Macchine per sottovuoto con barre saldanti in silicone: migliori prodotti di Maggio 2021, prezzi, recensioni

Nella scelta della macchina sottovuoto è fondamentale il lavoro esercitato dalla pompa della macchina stessa. La pompa è quel meccanismo che consente alla macchina di aspirare l’aria dal sacco  dove inserirete l’alimento da conservare, generando appunto il vuoto.

Sul mercato, tra i diversi modelli proposti in materiali differenti, vi è una certa propensione all’acquisto per quelle a barre saldanti in silicone in quanto resistente ad alte temperature ed antiaderente.  E’ un modello dall’ottimo spessore e dalle perfette guarnizioni.

Il vuoto

Superiore il valore del vuoto, inferiore sarà la quantità di aria che resta a contatto con l’alimento sottovuoto, e di conseguenza sarà più alta la sua capacità di conservarsi nel tempo. Potete ricercare il valore del vuoto espresso in diversi modi: potenza di aspirazione, depressione massima, valore del vuoto. Questo valore si indica in mbar, e viene disegnato sia con segno positivo che con segno negativo.

Se cercate un prototipo che vi conservi a lungo il cibo dovrete scegliere una macchina sottovuoto che abbia una alta potenza di aspirazione (o valore del vuoto).
I modelli con valori del vuoto bassi si attestano intorno ai 500/600/700 mbar.

Oggi, molte macchine sottovuoto presentano una potenza di aspirazione ruotante intorno agli 800 mbar.

 

Altri parametri inerenti alla pompa

Valutando la pompa di una macchina sottovuoto, occorrerà tenere in considerazione anche altri aspetti:

  • Doppia pompa: alcune macchine sono munite di due pompe; queste hanno il pregio di distribuire il carico di lavoro per svolgere il vuoto andando a muovere di meno una singola pompa; ciò significa maggiore durevolezza della macchina negli anni.
  • Portata: questa è indicata in l/min o dm3/min.  Il valore spiega la velocità con cui viene aspirata l’aria dal sacchetto. Maggiore sarà la portata, superiori saranno le prestazioni della pompa e la velocità con cui la macchina eseguirà il sottovuoto.

Potenza

La potenza è indicata in Watt (W). Il dato riferito in scheda tecnica delle macchine sottovuoto è un computo complessivo dell’energia elettrica che viene impiegata dal motore della pompa (a membrana) della macchina sottovuoto e per rendere calda la barra saldante (o sigillante).

La potenza che verrà poi usata dalla barra saldante della macchina, il valore massimo riferito in scheda tecnica, è essenziale per assicurare una buona saldatura e quindi per sigillare il sacchetto in cui viene inserito il sottovuoto.

Funzioni

Un altro elemento importante da valutare nelle macchine sottovuoto è la presenza delle varie funzioni. Le funzioni cambiano a seconda della macchina e sono rese caratteristiche da

  • livelli di vuoto
  • di portata
  • di tempi di saldatura diversi per conservare le numerose tipologie di alimenti.

Di seguito elenchiamo le funzioni più adoperate delle macchine sottovuoto.

Saldatura manuale

Consente di saldare senza aspirare. Questa funzione è adoperata se comprate un rotolo e volete saldarne una delle estremità per chiudere gli alimenti senza doverli conservare col sottovuoto. Ci sono macchine sottovuoto in cui è consentito regolare i tempi di saldatura ed altre in cui questi cambiano a seconda della funzione scelta.

Nelle macchine in cui è possibile scegliere di saldare semplicemente e in cui si possono decidere i tempi di saldatura potrete:

  • lavorare su sacchetti di differente spessore
  • ridurre i tempi di saldatura: pensate di aver svolto molte saldature di seguito e che la barra si sia troppo surriscaldata ?Potete andare ad abbassare i tempi di saldatura così che  il sacchetto non si sciolga.
  • aumentare i tempi di saldatura.

In genere, le macchine in cui è possibile passare alla saldatura manuale consentono di farlo bloccando il ciclo automatico, in particolare la fase di aspirazione e procedendo con la saldatura.

Altre funzioni comuni

  • Ciclo per alimenti “secchi”/Ciclo completo: è la funzione di aspirazione e saldatura del tutto automatica per i cibi “secchi”
  • Ciclo per alimenti fragili: funzione di aspirazione e saldatura per alimenti che si frantumano facilmente
  • Ciclo per alimenti umidi: funzione di aspirazione e saldatura per cibi che trasudano succhi.
  • Ciclo per vuoto nei contenitori: funzione specifica per creare il vuoto all’interno di contenitori extra.

Accessori

Le macchine sottovuoto non vengono dotate di molti accessori. Quasi tutte vengono vendute con sacchetti pretagliati, perlopiù di dimensioni varie.

Non sono però così tanti, quindi vi conviene comperarne subito alcuni unitamente a quelli dati con la macchina.

In base al costo, discriminante decisivo, potete trovare anche altri accessori:

  • Rotolo: per realizzare da voi i sacchetti per il confezionamento
  • Taglierina: se non inserita nella macchina per tagliare il rotolo
  • Contenitori accessori
  • Tubo per organizzare il vuoto in contenitori separati
  • Tappi: per il vuoto da operare nelle bottiglie

Dimensioni

Le macchine sottovuoto vengono molto utilizzate in cucina (alcune sono adatte al confezionamento di vestiti ed altri oggetti). Questo significa che andranno ad riempire spazio sul piano di lavoro. A tal proposito esistono delle macchine che vengono ideate proprio per ridurre quest’ingombro potendo essere collocate sia in orizzontale che in verticale.

Le grandezze di una macchina sottovuoto dipendono però anche dalla integrazione dello spazio per il rotolo.

Ci sono poi macchine che si presentano solamente in verticale e hanno anche previsto lo spazio per il rotolo accessorio.
In sintesi, a parità di peculiarità, un ingombro minore sul piano cottura è sicuramente un vantaggio.

Da stimare c’è anche il peso della macchina, condizionato dai materiali di costruzione: maggiore  è il peso maggiore sarà la stabilità durante l’esecuzione del lavoro.

Dimensioni della barra saldante (o barra sigillante)

I modelli ad uso domestico prevedono una barra con delle dimensioni standard30 cm. Questa grandezza va di pari passo con le dimensioni dei sacchetti e gli alimenti da organizzare. Modelli più professionali vi danno l’opportunità di scegliere la lunghezza della barra saldante: 30, 33, 35, 40, 50, 60, 80 cm.

È bene valutare anche lo spessore della barra saldante. Di certo, una buona potenza e materiali di produzione collegati permettono un tratto di sigillatura omogeneo ma è anche  vero che possedere una barra più spessa o anche doppia permette di avere una sicurezza superiore circa la tenuta del vuoto all’interno del sacchetto.

Avere uno spessore maggiore significa che su un lungo tratto si moltiplicano le probabilità che non ci siano “difetti” nella saldatura.

Due barre saldanti in serie prevedono di avere sicuramente una tenuta migliore e inoltre si accerta almeno il funzionamento di una barra nel caso l’altra abbia difetti di funzionamento.

Back to top
menu
Macchine per Sottovuoto